Green Pass obbligatorio per docenti e ATA

Dal 1 settembre rientro in classe con Green Pass obbligatorio, per personale scolastico docente e ATA.

Chi non potrà recarsi al lavoro perché non dotato di certificazione verde sarà considerato assente ingiustificato.

“Il mancato rispetto delle disposizioni è considerata assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato“.

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha spiegato il decreto approvato, al vaglio del parlamento:

Bisogna fare il tampone. In caso di rifiuto, si considera assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno il rapporto di lavoro è sospeso, senza retribuzione. Non c’è fine del rapporto di lavoro, è un provvedimento cautelativo che ha al centro la sicurezza delle persone”.

Tutte le regole sul Green Pass

A partire da domani il Green Pass servirà per accedere  ai locali al chiuso, incluso ristoranti e bar dove sarà possibile solo consumare al bancone ma non sedersi ai tavli se sprovvisti di Green Pass,  alle palestre e in una serie di luoghi pubblici come cinema, teatri, musei e stadi. Servirà anche per partecipare a convegni e concorsi pubblici.

Trasporti
Il governo ha deciso che dal primo settembre il Green Pass sarà obbligatorio sui trasporti a lunga percorrenza: aerei, treni ad alta velocità, Intercity e Intercity notte autobus e traghetti che collegano più regioni. Faranno eccezione i traghetti tra Messina e Reggio Calabria, considerati trasporto pubblico locale. Per il momento non è stato deciso l’utilizzo del Green Pass per i trasporti pubblici locali, per i treni regionali e per i traghetti a breve percorrenza.

Scuola

Green Pass sobbligatorio per il personale scolastico e universitario. Nelle università sarà obbligatorio anche per gli studenti per frequentare le lezioni in presenza bambini e i ragazzi di più di 6 anni dovranno portare le mascherine a scuola, fatta eccezione per lo svolgimento delle attività sportive e per le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso delle mascherine.

Quarantena

Sarà obbligatoria per tutti coloro che abbiano avuto contatti con positivi anche se vaccinati

Tamponi

Il costo dei tamponi si abbassa: 8 euro  per la fascia tra i 12 e i 18 anni e 15 euro per la fascia sopra ai 18 anni,  fino alla fine di settembre.

In caso di violazioni sono previste multe da 400 a 1.000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente e la chiusura da 1 a 10 giorni dell’esercizio, se le infrazioni dovessero essere riscontrate per tre volte in tre giorni diversi.